Avviso: Divisione inversa attivata 3SPA(1:8,500), 3SMI(1:35,000) and 3SSQ(1:16,00)

<!--<p>Nuovi ETPs:<small class="text-black ps-2">FTSE MIB</small></p>-->
<p>Avviso: <small class="text-black ps-2"> <small class="text-black ps-2">Divisione inversa attivata 3SPA(1:8,500), 3SMI(1:35,000) and 3SSQ(1:16,00)</small></small></p>

Researches By 3sal

Il mercato del lavoro negli Stati Uniti ha chiuso il 2023 in una posizione solida, con il ritmo delle assunzioni che si è rivelato ancora più potente del previsto, come riferito dal Dipartimento del Lavoro il 5 gennaio.

Argomento: Technology

Tipo di pubblicazione: Articles , Investimenti

US Employment Report: December Insights

10 gennaio, 2024 | GraniteShares
Il mercato del lavoro negli Stati Uniti ha chiuso il 2023 in una posizione solida, con il ritmo delle assunzioni che si è rivelato ancora più potente del previsto, come riferito dal Dipartimento del Lavoro il 5 gennaio.

Un'altra settimana positiva per i principali indici azionari, con l'indice Nasdaq Composite che ha nettamente sovraperformato sia l'indice S&P 500 che il Dow Jones Industrial Average. È interessante notare che la maggior parte dei guadagni della settimana sono arrivati venerdì, apparentemente senza alcuna notizia reale. La scorsa settimana i tassi dei titoli del Tesoro a lungo termine sono stati alquanto volatili, con tassi in calo che hanno per lo più fatto precipitare i livelli degli indici azionari più alti e viceversa. Fino a mercoledì, i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni sono scesi di 11 punti base, supportati dalle aspettative esistenti di “tassi di picco” (sulla base di dati economici deboli (negli Stati Uniti e a livello globale) e da un’asta dei titoli del Tesoro a 10 anni migliore del previsto. I tassi hanno registrato una brusca inversione giovedì. dopo i commenti del presidente della Fed Powell secondo cui potrebbero essere necessari ulteriori aumenti dei tassi e dopo un'asta di titoli del Tesoro trentennali peggiore del previsto. Venerdì i mercati hanno registrato un forte rialzo, portando tutti e 3 i principali livelli degli indici al rialzo nel corso della settimana. Per la settimana, l'indice S&P 500 L'indice è salito dell'1,3% a 4.415,24, il Nasdaq Composite Index ha guadagnato il 2,4% a 13.798,11, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,7% a 34.283,10, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 7 punti base al 4,65% e il dollaro USA (misurato dall'ICE U.S. L’indice del dollaro – DXY) si è apprezzato dello 0,8%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 10 Nov 2023 IT

14 novembre, 2023 | GraniteShares
Un'altra settimana positiva per i principali indici azionari, con l'indice Nasdaq Composite che ha nettamente sovraperformato sia l'indice S&P 500 che il Dow Jones Industrial Average. È interessante notare che la maggior parte dei guadagni della settimana sono arrivati venerdì, apparentemente senza alcuna notizia reale. La scorsa settimana i tassi dei titoli del Tesoro a lungo termine sono stati alquanto volatili, con tassi in calo che hanno per lo più fatto precipitare i livelli degli indici azionari più alti e viceversa. Fino a mercoledì, i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni sono scesi di 11 punti base, supportati dalle aspettative esistenti di “tassi di picco” (sulla base di dati economici deboli (negli Stati Uniti e a livello globale) e da un’asta dei titoli del Tesoro a 10 anni migliore del previsto. I tassi hanno registrato una brusca inversione giovedì. dopo i commenti del presidente della Fed Powell secondo cui potrebbero essere necessari ulteriori aumenti dei tassi e dopo un'asta di titoli del Tesoro trentennali peggiore del previsto. Venerdì i mercati hanno registrato un forte rialzo, portando tutti e 3 i principali livelli degli indici al rialzo nel corso della settimana. Per la settimana, l'indice S&P 500 L'indice è salito dell'1,3% a 4.415,24, il Nasdaq Composite Index ha guadagnato il 2,4% a 13.798,11, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,7% a 34.283,10, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 7 punti base al 4,65% e il dollaro USA (misurato dall'ICE U.S. L’indice del dollaro – DXY) si è apprezzato dello 0,8%.

La scorsa settimana i principali indici azionari hanno registrato guadagni impressionanti, con l’indice Nasdaq Composite in rialzo di quasi il 7%, l’S&P 500 in rialzo di quasi il 6% e il Dow Jones Industrial Average in rialzo del 5%. I guadagni sono arrivati in parte sulla scia di utili societari migliori del previsto, ma soprattutto grazie alle maggiori aspettative che la Fed avrebbe deciso di alzare i tassi. Il FOMC ha lasciato i tassi invariati, come previsto, ma i successivi commenti del presidente della Fed Powell, secondo cui tassi a lungo termine più alti potrebbero alleviare la necessità di ulteriori aumenti dei tassi, hanno sollevato le aspettative di una svolta della politica monetaria della Fed e hanno posto le basi per tassi più bassi e un aumento significativo del rischio. sul sentimento. L’annuncio dei rimborsi di mercoledì, con un’emissione più ponderata del previsto su titoli e banconote a breve termine, ha contribuito a far scendere i tassi a lungo termine e, di conseguenza, a far salire i prezzi delle azioni. Il rapporto sull’occupazione di venerdì, più debole del previsto, sembra aver confermato le aspettative della Fed, spingendo ancora una volta i tassi più in basso e sollevando, sulla sua scia, i prezzi delle azioni. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito del 5,8% a 4.358,34, l'indice Nasdaq Composite ha guadagnato il 5,5% a 13.478,28, il Dow Jones Industrial Average è cresciuto del 5,1% a 34.061,32, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 26 punti base al 4,58% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è indebolito dell’1,4%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 03 Nov 2023 IT

07 novembre, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i principali indici azionari hanno registrato guadagni impressionanti, con l’indice Nasdaq Composite in rialzo di quasi il 7%, l’S&P 500 in rialzo di quasi il 6% e il Dow Jones Industrial Average in rialzo del 5%. I guadagni sono arrivati in parte sulla scia di utili societari migliori del previsto, ma soprattutto grazie alle maggiori aspettative che la Fed avrebbe deciso di alzare i tassi. Il FOMC ha lasciato i tassi invariati, come previsto, ma i successivi commenti del presidente della Fed Powell, secondo cui tassi a lungo termine più alti potrebbero alleviare la necessità di ulteriori aumenti dei tassi, hanno sollevato le aspettative di una svolta della politica monetaria della Fed e hanno posto le basi per tassi più bassi e un aumento significativo del rischio. sul sentimento. L’annuncio dei rimborsi di mercoledì, con un’emissione più ponderata del previsto su titoli e banconote a breve termine, ha contribuito a far scendere i tassi a lungo termine e, di conseguenza, a far salire i prezzi delle azioni. Il rapporto sull’occupazione di venerdì, più debole del previsto, sembra aver confermato le aspettative della Fed, spingendo ancora una volta i tassi più in basso e sollevando, sulla sua scia, i prezzi delle azioni. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito del 5,8% a 4.358,34, l'indice Nasdaq Composite ha guadagnato il 5,5% a 13.478,28, il Dow Jones Industrial Average è cresciuto del 5,1% a 34.061,32, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 26 punti base al 4,58% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è indebolito dell’1,4%.

La scorsa settimana i mercati azionari sono scesi nuovamente, colpiti dall’aumento dei tassi di interesse, da una serie di risultati deludenti sugli utili e, in un mondo in cui le buone notizie sono cattive notizie, da una crescita del PIL e della spesa al consumo più forti del previsto. I timori di tassi più alti per periodi più lunghi sono emersi all'inizio della settimana, portando i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni al livello del 5% e mentre i tassi si sono abbassati nel corso della settimana, le preoccupazioni sono rimaste radicate nel sentiment del mercato a seguito di un andamento molto più forte del previsto. -rilascio previsto del PIL, richieste iniziali di sussidi di disoccupazione ancora basse e un forte rilascio dell'indice PMI composito. I deludenti ricavi/utili del cloud di Alphabet (pubblicati mercoledì) hanno aumentato la pressione al ribasso del mercato, soprattutto nel settore tecnologico. Venerdì tali perdite sono state parzialmente invertite, con gli utili di Amazon nettamente superiori alle proiezioni degli analisti. Le preoccupazioni geopolitiche, concentrate nel Medio Oriente, hanno alimentato gli acquisti di beni rifugio, facendo salire l’oro, i tassi del Tesoro e il dollaro USA, aumentando al tempo stesso la propensione al rischio. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,6% a 4.113,05, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 2,9% a 12.611,58, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 32.418,05, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 7 punti base al 4,84% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,4%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 27 Oct 2023 IT

31 ottobre, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i mercati azionari sono scesi nuovamente, colpiti dall’aumento dei tassi di interesse, da una serie di risultati deludenti sugli utili e, in un mondo in cui le buone notizie sono cattive notizie, da una crescita del PIL e della spesa al consumo più forti del previsto. I timori di tassi più alti per periodi più lunghi sono emersi all'inizio della settimana, portando i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni al livello del 5% e mentre i tassi si sono abbassati nel corso della settimana, le preoccupazioni sono rimaste radicate nel sentiment del mercato a seguito di un andamento molto più forte del previsto. -rilascio previsto del PIL, richieste iniziali di sussidi di disoccupazione ancora basse e un forte rilascio dell'indice PMI composito. I deludenti ricavi/utili del cloud di Alphabet (pubblicati mercoledì) hanno aumentato la pressione al ribasso del mercato, soprattutto nel settore tecnologico. Venerdì tali perdite sono state parzialmente invertite, con gli utili di Amazon nettamente superiori alle proiezioni degli analisti. Le preoccupazioni geopolitiche, concentrate nel Medio Oriente, hanno alimentato gli acquisti di beni rifugio, facendo salire l’oro, i tassi del Tesoro e il dollaro USA, aumentando al tempo stesso la propensione al rischio. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,6% a 4.113,05, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 2,9% a 12.611,58, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 32.418,05, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 7 punti base al 4,84% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,4%.

La scorsa settimana i principali indici azionari si sono mossi nettamente al ribasso, rinunciando ai forti guadagni registrati lunedì. Il sentiment degli investitori ha iniziato la settimana rinvigorito con l'attenuarsi delle preoccupazioni relative alle tensioni in Medio Oriente e con i commenti percepiti come accomodanti da parte dei funzionari della Fed. Quel sentimento ha iniziato a cambiare martedì, tuttavia, dopo che un rapporto sulle vendite al dettaglio molto più forte del previsto ha instillato nuovamente l’angoscia sulla politica monetaria della Fed, spingendo i tassi del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e lasciando gli indici azionari sostanzialmente invariati. Le rinnovate preoccupazioni per il Medio Oriente, gli Stati Uniti hanno imposto restrizioni sulle vendite di chip AI alla Cina e i tassi del Tesoro a 10 anni in costante aumento hanno spinto i mercati azionari al ribasso da mercoledì a venerdì. Il discorso di Jerome Powell di giovedì si è aggiunto alle pressioni al ribasso con il presidente Powell che ha affermato di non credere che la politica monetaria fosse eccessivamente restrittiva e che i tassi potrebbero dover rimanere alti per un po’. Giovedì si è visto anche un rapporto estremamente debole sulle vendite di case esistenti, senza alcun effetto reale sui tassi del Tesoro o sui mercati azionari. Venerdì gli indici azionari sono scesi dell'1% o più e i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni si sono allontanati dal massimo di giovedì prossimo al 5% in assenza di nuove notizie. Per la settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,4% a 4.224,16, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 3,2 % a 12.983,81, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 33.127,21, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è aumentato di 29 punti base al 4,81% e il dollaro USA (misurato dall'indice ICE U.S. Dollar Index – DXY) si è indebolito dello 0,5%

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Healthcare , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 20 Oct 2023 IT

24 ottobre, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i principali indici azionari si sono mossi nettamente al ribasso, rinunciando ai forti guadagni registrati lunedì. Il sentiment degli investitori ha iniziato la settimana rinvigorito con l'attenuarsi delle preoccupazioni relative alle tensioni in Medio Oriente e con i commenti percepiti come accomodanti da parte dei funzionari della Fed. Quel sentimento ha iniziato a cambiare martedì, tuttavia, dopo che un rapporto sulle vendite al dettaglio molto più forte del previsto ha instillato nuovamente l’angoscia sulla politica monetaria della Fed, spingendo i tassi del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e lasciando gli indici azionari sostanzialmente invariati. Le rinnovate preoccupazioni per il Medio Oriente, gli Stati Uniti hanno imposto restrizioni sulle vendite di chip AI alla Cina e i tassi del Tesoro a 10 anni in costante aumento hanno spinto i mercati azionari al ribasso da mercoledì a venerdì. Il discorso di Jerome Powell di giovedì si è aggiunto alle pressioni al ribasso con il presidente Powell che ha affermato di non credere che la politica monetaria fosse eccessivamente restrittiva e che i tassi potrebbero dover rimanere alti per un po’. Giovedì si è visto anche un rapporto estremamente debole sulle vendite di case esistenti, senza alcun effetto reale sui tassi del Tesoro o sui mercati azionari. Venerdì gli indici azionari sono scesi dell'1% o più e i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni si sono allontanati dal massimo di giovedì prossimo al 5% in assenza di nuove notizie. Per la settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,4% a 4.224,16, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 3,2 % a 12.983,81, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 33.127,21, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è aumentato di 29 punti base al 4,81% e il dollaro USA (misurato dall'indice ICE U.S. Dollar Index – DXY) si è indebolito dello 0,5%

I prezzi delle azioni sono aumentati notevolmente all'inizio della scorsa settimana, con tutti e 3 i principali indici azionari che hanno guadagnato oltre l'1%. L’aumento è arrivato sulla scia dei commenti accomodanti dei funzionari della Fed, secondo i quali tassi più alti a lungo termine avrebbero probabilmente reso inutili ulteriori aumenti dei tassi. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni, in reazione a questi commenti, sono scesi di oltre 25 punti base fino a mercoledì. La pubblicazione dell'indice PPI leggermente migliore del previsto (mercoledì) e le crescenti speranze di un raffreddamento dell'inflazione hanno contribuito allo slancio rialzista. Il sentiment è cambiato, tuttavia, dopo la pubblicazione tiepida dell’indice dei prezzi al consumo di giovedì, che ha riacceso le preoccupazioni sui tassi più alti per un periodo più lungo, spingendo il tasso del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e esercitando pressioni al ribasso sui prezzi delle azioni. Questa pressione è continuata fino a venerdì, con un sentimento di avversione al rischio che ha dominato i mercati a causa delle crescenti preoccupazioni relative alla controffensiva di Israele contro gli attacchi terroristici di Hamas. Gli indici Nasdaq Composite e S&P 500 si sono mossi nettamente al ribasso, mentre i prezzi dei beni rifugio si sono mossi nettamente al rialzo. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito dello 0,4% a 4.327,28, l'indice Nasdaq Composite è sceso dello 0,2% a 13.407,23, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,8% a 33.670,29, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è sceso di 19 punti base al 4,62% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 13 Oct 2023 IT

17 ottobre, 2023 | GraniteShares
I prezzi delle azioni sono aumentati notevolmente all'inizio della scorsa settimana, con tutti e 3 i principali indici azionari che hanno guadagnato oltre l'1%. L’aumento è arrivato sulla scia dei commenti accomodanti dei funzionari della Fed, secondo i quali tassi più alti a lungo termine avrebbero probabilmente reso inutili ulteriori aumenti dei tassi. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni, in reazione a questi commenti, sono scesi di oltre 25 punti base fino a mercoledì. La pubblicazione dell'indice PPI leggermente migliore del previsto (mercoledì) e le crescenti speranze di un raffreddamento dell'inflazione hanno contribuito allo slancio rialzista. Il sentiment è cambiato, tuttavia, dopo la pubblicazione tiepida dell’indice dei prezzi al consumo di giovedì, che ha riacceso le preoccupazioni sui tassi più alti per un periodo più lungo, spingendo il tasso del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e esercitando pressioni al ribasso sui prezzi delle azioni. Questa pressione è continuata fino a venerdì, con un sentimento di avversione al rischio che ha dominato i mercati a causa delle crescenti preoccupazioni relative alla controffensiva di Israele contro gli attacchi terroristici di Hamas. Gli indici Nasdaq Composite e S&P 500 si sono mossi nettamente al ribasso, mentre i prezzi dei beni rifugio si sono mossi nettamente al rialzo. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito dello 0,4% a 4.327,28, l'indice Nasdaq Composite è sceso dello 0,2% a 13.407,23, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,8% a 33.670,29, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è sceso di 19 punti base al 4,62% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%.

Settimana un po’ contrastata per i principali indici azionari. L'indice Nasdaq Composite ha ottenuto la performance migliore, guadagnando oltre l'1,5%, seguito dall'indice S&P 500, in rialzo di ½% e seguito dal Dow Jones Industrial Average, in ribasso di circa 1/3%. Il tema dominante della scorsa settimana è stato il forte aumento dei tassi del Tesoro e il loro effetto deleterio sulla crescita economica, sui profitti aziendali e sui prezzi delle azioni in generale. Il rapporto JOLTS di martedì, significativamente più forte del previsto, è stato l’impulso principale per i tassi più alti. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni sono aumentati di 11 punti base martedì dopo essere aumentati di un importo simile lunedì. I prezzi delle azioni, reagendo ai tassi più alti, sono crollati bruscamente martedì con tutti e 3 i principali indici che hanno registrato perdite superiori all'1%. Mercoledì, tuttavia, il sentiment si è invertito, con i prezzi delle azioni che hanno recuperato buona parte delle perdite dopo un rapporto ADP sui salari molto più debole del previsto. I mercati hanno vacillato fino a giovedì davanti al rapporto sui salari di venerdì e poi, cosa interessante, si sono notevolmente ripresi (e i tassi del Tesoro sono scesi) nonostante un rapporto sull'occupazione molto più forte del previsto, forse perché la crescita dei salari riportata nel rapporto ha continuato ad attenuarsi ed è stata inferiore alle aspettative. anche. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito dello 0,5% a 4.308,50, l'indice Nasdaq Composite è salito dell'1,6% a 13.431,34, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,3% a 33,40758, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è salito di 23 punti base al 4,81% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è indebolito dello 0,1%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 06 Oct 2023 IT

10 ottobre, 2023 | GraniteShares
Settimana un po’ contrastata per i principali indici azionari. L'indice Nasdaq Composite ha ottenuto la performance migliore, guadagnando oltre l'1,5%, seguito dall'indice S&P 500, in rialzo di ½% e seguito dal Dow Jones Industrial Average, in ribasso di circa 1/3%. Il tema dominante della scorsa settimana è stato il forte aumento dei tassi del Tesoro e il loro effetto deleterio sulla crescita economica, sui profitti aziendali e sui prezzi delle azioni in generale. Il rapporto JOLTS di martedì, significativamente più forte del previsto, è stato l’impulso principale per i tassi più alti. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni sono aumentati di 11 punti base martedì dopo essere aumentati di un importo simile lunedì. I prezzi delle azioni, reagendo ai tassi più alti, sono crollati bruscamente martedì con tutti e 3 i principali indici che hanno registrato perdite superiori all'1%. Mercoledì, tuttavia, il sentiment si è invertito, con i prezzi delle azioni che hanno recuperato buona parte delle perdite dopo un rapporto ADP sui salari molto più debole del previsto. I mercati hanno vacillato fino a giovedì davanti al rapporto sui salari di venerdì e poi, cosa interessante, si sono notevolmente ripresi (e i tassi del Tesoro sono scesi) nonostante un rapporto sull'occupazione molto più forte del previsto, forse perché la crescita dei salari riportata nel rapporto ha continuato ad attenuarsi ed è stata inferiore alle aspettative. anche. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito dello 0,5% a 4.308,50, l'indice Nasdaq Composite è salito dell'1,6% a 13.431,34, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,3% a 33,40758, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è salito di 23 punti base al 4,81% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è indebolito dello 0,1%.

Una settimana piuttosto mista per i 3 principali indici azionari. Le preoccupazioni per i tassi più alti per un periodo più lungo, motivate da dati economici resilienti (compresi ordini di beni durevoli, richieste di sussidio di disoccupazione e stima finale del PIL del secondo trimestre), hanno permeato tutta la settimana, aumentando il sentimento di avversione al rischio e aumentando, paradossalmente, le preoccupazioni di recessione. È interessante notare, tuttavia, che l’indice Nasdaq Composite ha nettamente sovraperformato sia il Dow Jones Industrial Average che l’indice S&P 500. La sovraperformance è ancora più sorprendente se si considera la causa antitrust lanciata dalla FTC all’inizio della scorsa settimana contro Amazon. Il rilascio dell'indice dei prezzi PCE di venerdì, per lo più migliore del previsto, ha favorito i titoli tecnologici, fornendo maggiore supporto all'indice Nasdaq Composite, così come il movimento di accompagnamento al ribasso (rispetto ai massimi infrasettimanali) per i tassi del Tesoro a 10 anni (non importa quanto lieve) e gli Stati Uniti. dollaro. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso dello 0,7% a 4.288,05, l'indice Nasdaq Composite è aumentato dello 0,1% a 13.219,32, il Dow Jones Industrial Average è sceso dell'1,4% a 33.507,75, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 14 punti base al 4,58% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 14 punti base al 4,58%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 29 Sep 2023 IT

04 ottobre, 2023 | GraniteShares
Una settimana piuttosto mista per i 3 principali indici azionari. Le preoccupazioni per i tassi più alti per un periodo più lungo, motivate da dati economici resilienti (compresi ordini di beni durevoli, richieste di sussidio di disoccupazione e stima finale del PIL del secondo trimestre), hanno permeato tutta la settimana, aumentando il sentimento di avversione al rischio e aumentando, paradossalmente, le preoccupazioni di recessione. È interessante notare, tuttavia, che l’indice Nasdaq Composite ha nettamente sovraperformato sia il Dow Jones Industrial Average che l’indice S&P 500. La sovraperformance è ancora più sorprendente se si considera la causa antitrust lanciata dalla FTC all’inizio della scorsa settimana contro Amazon. Il rilascio dell'indice dei prezzi PCE di venerdì, per lo più migliore del previsto, ha favorito i titoli tecnologici, fornendo maggiore supporto all'indice Nasdaq Composite, così come il movimento di accompagnamento al ribasso (rispetto ai massimi infrasettimanali) per i tassi del Tesoro a 10 anni (non importa quanto lieve) e gli Stati Uniti. dollaro. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso dello 0,7% a 4.288,05, l'indice Nasdaq Composite è aumentato dello 0,1% a 13.219,32, il Dow Jones Industrial Average è sceso dell'1,4% a 33.507,75, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 14 punti base al 4,58% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 14 punti base al 4,58%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%

Una settimana negativa per i mercati azionari statunitensi, messi sotto pressione dal rialzo dei tassi e da un’economia resiliente. I mercati erano sottotono prima dell’annuncio del FOMC di mercoledì, spostandosi leggermente al ribasso a causa dell’incertezza sulle proiezioni della Fed e sul “tono” monetario. L'annuncio, come previsto, di mercoledì di nessuna modifica al tasso obiettivo dei fondi Fed è stato tuttavia accompagnato da toni aggressivi, tra cui la prospettiva di un altro rialzo dei tassi prima della fine dell'anno e il segnale che i tassi potrebbero benissimo restare più alti più a lungo di quanto previsto in precedenza, aggiungendosi alla situazione. pressioni al ribasso sui prezzi. Le richieste di sussidio di disoccupazione iniziali inferiori alle attese di giovedì sembravano rovesciare il gigante, spingendo i 3 principali indici azionari in ribasso di oltre l’1% e mandando il tasso del Tesoro a 10 anni ai massimi di 16 anni. I mercati hanno chiuso la settimana in ribasso, con un sentimento di avversione al rischio a dare il tono. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,9% a 4.320,06, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 3,6% a 13.211,81, il Dow Jones Industrial Average è sceso dell'1,9% a 33.964,44, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 11 punti base al 4,44% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 11 punti base al 4,44%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,2%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 22 Sep 2023 IT

26 settembre, 2023 | GraniteShares
Una settimana negativa per i mercati azionari statunitensi, messi sotto pressione dal rialzo dei tassi e da un’economia resiliente. I mercati erano sottotono prima dell’annuncio del FOMC di mercoledì, spostandosi leggermente al ribasso a causa dell’incertezza sulle proiezioni della Fed e sul “tono” monetario. L'annuncio, come previsto, di mercoledì di nessuna modifica al tasso obiettivo dei fondi Fed è stato tuttavia accompagnato da toni aggressivi, tra cui la prospettiva di un altro rialzo dei tassi prima della fine dell'anno e il segnale che i tassi potrebbero benissimo restare più alti più a lungo di quanto previsto in precedenza, aggiungendosi alla situazione. pressioni al ribasso sui prezzi. Le richieste di sussidio di disoccupazione iniziali inferiori alle attese di giovedì sembravano rovesciare il gigante, spingendo i 3 principali indici azionari in ribasso di oltre l’1% e mandando il tasso del Tesoro a 10 anni ai massimi di 16 anni. I mercati hanno chiuso la settimana in ribasso, con un sentimento di avversione al rischio a dare il tono. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,9% a 4.320,06, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 3,6% a 13.211,81, il Dow Jones Industrial Average è sceso dell'1,9% a 33.964,44, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 11 punti base al 4,44% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 11 punti base al 4,44%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,2%.

I mercati azionari hanno iniziato la scorsa settimana con una nota positiva, in rialzo sulle notizie sullo sviluppo del supercomputer di Tesla per potenziare le capacità dei suoi sistemi senza conducente. Martedì i mercati si sono ritirati leggermente in seguito alle previsioni/orientamenti pessimistiche di Oracle, ma hanno continuato a salire mercoledì e giovedì dopo la pubblicazione di un indice dei prezzi al consumo sostanzialmente come previsto mercoledì, alimentati dalle speranze di un’economia resiliente nonostante la continua vigilanza da parte della Fed. Venerdì, tuttavia, l’ottimismo è svanito, innescato da un deludente rapporto sugli utili di Adobe, da un rally sostenuto dei prezzi del petrolio e da un sorprendente calo della fiducia dei consumatori. Tutti e 3 i principali indici del mercato azionario, in rialzo dell'1% fino a giovedì, hanno registrato forti cali, portando sia l'indice S&P 500 che il Nasdaq Composite leggermente in rosso e il Dow Jones Industrial Average quasi invariato. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso dello 0,2% a 4.450,32, l'indice Nasdaq Composite è sceso dello 0,4% a 13.704,70, il Dow Jones Industrial Average è aumentato dello 0,1% a 34.618,77, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 7 punti base al 4,33% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 7 punti base al 4,33%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,2%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 15 Sep 2023 IT

20 settembre, 2023 | GraniteShares
I mercati azionari hanno iniziato la scorsa settimana con una nota positiva, in rialzo sulle notizie sullo sviluppo del supercomputer di Tesla per potenziare le capacità dei suoi sistemi senza conducente. Martedì i mercati si sono ritirati leggermente in seguito alle previsioni/orientamenti pessimistiche di Oracle, ma hanno continuato a salire mercoledì e giovedì dopo la pubblicazione di un indice dei prezzi al consumo sostanzialmente come previsto mercoledì, alimentati dalle speranze di un’economia resiliente nonostante la continua vigilanza da parte della Fed. Venerdì, tuttavia, l’ottimismo è svanito, innescato da un deludente rapporto sugli utili di Adobe, da un rally sostenuto dei prezzi del petrolio e da un sorprendente calo della fiducia dei consumatori. Tutti e 3 i principali indici del mercato azionario, in rialzo dell'1% fino a giovedì, hanno registrato forti cali, portando sia l'indice S&P 500 che il Nasdaq Composite leggermente in rosso e il Dow Jones Industrial Average quasi invariato. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso dello 0,2% a 4.450,32, l'indice Nasdaq Composite è sceso dello 0,4% a 13.704,70, il Dow Jones Industrial Average è aumentato dello 0,1% a 34.618,77, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 7 punti base al 4,33% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 7 punti base al 4,33%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,2%.

La scorsa settimana i mercati azionari si sono mossi al ribasso, con l’indice Nasdaq Composite che ha registrato il calo più marcato rispetto all’indice S&P 500 e al Dow Jones Industrial Average. I timori di “tassi più alti per un periodo più lungo” hanno offuscato le prospettive degli investitori, spinti dalle richieste iniziali di sussidio di disoccupazione inferiori alle attese e dalla pubblicazione dell’indice ISM dei servizi più forte del previsto. L’aumento dei prezzi del petrolio in vista della pubblicazione dell’indice dei prezzi al consumo della prossima settimana ha alimentato le preoccupazioni, aumentando le aspettative di un’inflazione superiore a quella desiderata. Riflettendo queste preoccupazioni, il dollaro ha continuato a rafforzarsi e i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni sono aumentati alimentati da un aumento delle aspettative di inflazione a 10 anni. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso dell'1,3% a 4.458,85, l'indice Nasdaq Composite è sceso dell'1,9% a 13.761,53, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,8% a 34.577,28, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è aumentato di 8 punti base al 4,26% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 8 punti base al 4,26%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,8%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 08 Sep 2023 IT

11 settembre, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i mercati azionari si sono mossi al ribasso, con l’indice Nasdaq Composite che ha registrato il calo più marcato rispetto all’indice S&P 500 e al Dow Jones Industrial Average. I timori di “tassi più alti per un periodo più lungo” hanno offuscato le prospettive degli investitori, spinti dalle richieste iniziali di sussidio di disoccupazione inferiori alle attese e dalla pubblicazione dell’indice ISM dei servizi più forte del previsto. L’aumento dei prezzi del petrolio in vista della pubblicazione dell’indice dei prezzi al consumo della prossima settimana ha alimentato le preoccupazioni, aumentando le aspettative di un’inflazione superiore a quella desiderata. Riflettendo queste preoccupazioni, il dollaro ha continuato a rafforzarsi e i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni sono aumentati alimentati da un aumento delle aspettative di inflazione a 10 anni. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso dell'1,3% a 4.458,85, l'indice Nasdaq Composite è sceso dell'1,9% a 13.761,53, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,8% a 34.577,28, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è aumentato di 8 punti base al 4,26% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 8 punti base al 4,26%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,8%.

Tutti e tre i principali indici si sono mossi in rialzo la scorsa settimana, alimentati principalmente dalla rivalutazione degli investitori sulla forza dell’economia e, di conseguenza, da un possibile allentamento dell’attuale politica monetaria della Fed. I JOLTS più deboli del previsto e i dati sulla fiducia dei consumatori dell’inizio della scorsa settimana hanno apparentemente accentuato i commenti di Jackson Hole “procedi con cautela” del presidente della Fed Powell, aumentando le aspettative di una Fed meno aggressiva, spingendo i tassi del Tesoro al ribasso e i prezzi delle azioni al rialzo. Più (ma meno) la stessa situazione è seguita da una revisione inaspettata al di sotto del PIL del secondo trimestre. La pubblicazione dell’indice dei prezzi PCE di giovedì, pur riflettendo in generale un rallentamento dell’inflazione core e principale, ha anche mostrato un’inflazione dei salari e dei servizi ancora più elevata di quella desiderata (dalla Fed), aumentando (almeno momentaneamente) l’incertezza riguardo al futuro corso d’azione della Fed. Anche il rapporto sull’occupazione di venerdì, più debole del previsto, ha apparentemente aumentato l’incertezza con la creazione di posti di lavoro inferiori alle attese controbilanciate da una crescita salariale leggermente superiore al previsto. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni, in calo di 13 punti base fino a giovedì, sono aumentati di 8 punti base venerdì (a seguito del rapporto sull'occupazione), chiudendo la settimana in ribasso di 5 punti base. Il movimento al ribasso è stato interamente dovuto al calo delle aspettative di inflazione a 10 anni. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito del 2,5% a 4.515,77, l'indice Nasdaq Composite è salito del 3,3% a 14.031,82, il Dow Jones Industrial Average è salito dell'1,4% a 34.838,01, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 5 punti base al 4,18% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 5 punti base al 4,18%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,2%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Healthcare , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 01 Sep 2023 IT

05 settembre, 2023 | GraniteShares
Tutti e tre i principali indici si sono mossi in rialzo la scorsa settimana, alimentati principalmente dalla rivalutazione degli investitori sulla forza dell’economia e, di conseguenza, da un possibile allentamento dell’attuale politica monetaria della Fed. I JOLTS più deboli del previsto e i dati sulla fiducia dei consumatori dell’inizio della scorsa settimana hanno apparentemente accentuato i commenti di Jackson Hole “procedi con cautela” del presidente della Fed Powell, aumentando le aspettative di una Fed meno aggressiva, spingendo i tassi del Tesoro al ribasso e i prezzi delle azioni al rialzo. Più (ma meno) la stessa situazione è seguita da una revisione inaspettata al di sotto del PIL del secondo trimestre. La pubblicazione dell’indice dei prezzi PCE di giovedì, pur riflettendo in generale un rallentamento dell’inflazione core e principale, ha anche mostrato un’inflazione dei salari e dei servizi ancora più elevata di quella desiderata (dalla Fed), aumentando (almeno momentaneamente) l’incertezza riguardo al futuro corso d’azione della Fed. Anche il rapporto sull’occupazione di venerdì, più debole del previsto, ha apparentemente aumentato l’incertezza con la creazione di posti di lavoro inferiori alle attese controbilanciate da una crescita salariale leggermente superiore al previsto. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni, in calo di 13 punti base fino a giovedì, sono aumentati di 8 punti base venerdì (a seguito del rapporto sull'occupazione), chiudendo la settimana in ribasso di 5 punti base. Il movimento al ribasso è stato interamente dovuto al calo delle aspettative di inflazione a 10 anni. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito del 2,5% a 4.515,77, l'indice Nasdaq Composite è salito del 3,3% a 14.031,82, il Dow Jones Industrial Average è salito dell'1,4% a 34.838,01, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 5 punti base al 4,18% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 5 punti base al 4,18%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,2%.

La scorsa settimana i mercati azionari si sono mossi in rialzo, questa volta con l’indice Nasdaq Composite che ha sovraperformato sia il Dow Jones Industrial Average che l’indice S&P 500. I mercati si sono mossi al rialzo durante la metà della settimana in attesa che le operazioni di inasprimento della Fed raggiungessero il loro apice dopo un ultimo aumento di 25 punti base. Tali aspettative sono state apparentemente soddisfatte mercoledì dopo un aumento di 25 punti base, come previsto, dell'intervallo target dei fondi federali e dopo i commenti in qualche modo incoraggianti del presidente della Fed Powell, secondo cui gli effetti dell'inasprimento finora probabilmente devono ancora essere visti. Tuttavia, tali aspettative sono cambiate giovedì, a seguito delle richieste iniziali di disoccupazione inferiori alle attese e della crescita del PIL superiore alle attese, generando rinnovate preoccupazioni che la Fed possa trovare motivo di inasprire ulteriormente (o mantenere i tassi più alti più a lungo), spingendo tutti e 3 gli indici almeno 1/ 2% in meno e tassi del Tesoro a 10 anni più alti di 13 punti base. Purtroppo, le preoccupazioni di giovedì si sono attenuate venerdì con i dati sull’inflazione dei prezzi e dei salari che indicano un continuo raffreddamento. Sia l'indice principale e principale dei prezzi PCE che l'indice del costo dell'occupazione sono stati leggermente migliori del previsto, rinvigorendo le speranze di "tassi di picco" e di una Fed presto più benevola, alimentando i mercati azionari nettamente al rialzo e invertendo parzialmente il 10- di giovedì. anno aumento del tasso del Tesoro. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è cresciuto dell'1,0% a 4.582,23, l'indice Nasdaq Composite è salito del 2,0% a 14.316,66, il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato lo 0,7% chiudendo a 35.458,96, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è aumentato di 12 punti base al 3,96% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Healthcare , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 28 July 2023 IT

01 settembre, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i mercati azionari si sono mossi in rialzo, questa volta con l’indice Nasdaq Composite che ha sovraperformato sia il Dow Jones Industrial Average che l’indice S&P 500. I mercati si sono mossi al rialzo durante la metà della settimana in attesa che le operazioni di inasprimento della Fed raggiungessero il loro apice dopo un ultimo aumento di 25 punti base. Tali aspettative sono state apparentemente soddisfatte mercoledì dopo un aumento di 25 punti base, come previsto, dell'intervallo target dei fondi federali e dopo i commenti in qualche modo incoraggianti del presidente della Fed Powell, secondo cui gli effetti dell'inasprimento finora probabilmente devono ancora essere visti. Tuttavia, tali aspettative sono cambiate giovedì, a seguito delle richieste iniziali di disoccupazione inferiori alle attese e della crescita del PIL superiore alle attese, generando rinnovate preoccupazioni che la Fed possa trovare motivo di inasprire ulteriormente (o mantenere i tassi più alti più a lungo), spingendo tutti e 3 gli indici almeno 1/ 2% in meno e tassi del Tesoro a 10 anni più alti di 13 punti base. Purtroppo, le preoccupazioni di giovedì si sono attenuate venerdì con i dati sull’inflazione dei prezzi e dei salari che indicano un continuo raffreddamento. Sia l'indice principale e principale dei prezzi PCE che l'indice del costo dell'occupazione sono stati leggermente migliori del previsto, rinvigorendo le speranze di "tassi di picco" e di una Fed presto più benevola, alimentando i mercati azionari nettamente al rialzo e invertendo parzialmente il 10- di giovedì. anno aumento del tasso del Tesoro. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è cresciuto dell'1,0% a 4.582,23, l'indice Nasdaq Composite è salito del 2,0% a 14.316,66, il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato lo 0,7% chiudendo a 35.458,96, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è aumentato di 12 punti base al 3,96% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%.

La scorsa settimana i mercati azionari sono saliti, con 2 dei 3 principali indici di mercato che hanno registrato guadagni con una disparità piuttosto ampia tra i rendimenti degli indici. L’incertezza ha dominato le negoziazioni di inizio settimana con gli investitori in attesa del rapporto sugli utili di Nvidia mercoledì (dopo la chiusura) e del discorso di Jackson Hole del presidente della Fed Powell venerdì. Il pessimo rapporto sugli utili di Macy’s di martedì, che si aggiunge alle preoccupazioni sulla forza dei consumatori, ha contribuito a fare pressione sui mercati al ribasso. I risultati di Toll Brothers di mercoledì, molto migliori del previsto (indicando una forza sorprendentemente forte nella costruzione di case nonostante l’alto livello dei tassi ipotecari) insieme alle aspettative generalmente positive di Nvidia, hanno spinto tutti e 3 i livelli dell’indice almeno dello ½% in più. Sebbene il rapporto sugli utili di Nvidia abbia superato le aspettative (facendo salire il titolo di quasi il 10% dopo la chiusura di mercoledì), i mercati sono scesi di oltre l'1% giovedì (Nvidia ha chiuso la giornata praticamente invariata), assediati dalle crescenti preoccupazioni sui mezzi di cui l'economia seguirà molto più debole rispetto a prima. -ordinativi attesi di beni durevoli. Le richieste di sussidi di disoccupazione inferiori alle attese, indicanti un mercato del lavoro ancora resiliente, si sono aggiunte a tali preoccupazioni aumentando le aspettative di una continua politica monetaria restrittiva della Fed. I commenti di Powell venerdì nel complesso sono sembrati sostenere i mercati, lasciando gli investitori con l’aspettativa che la Fed resterà vigile nella sua lotta contro l’inflazione ma agirà con cautela. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni, riflettendo l'incertezza degli investitori all'inizio della scorsa settimana, sono aumentati notevolmente martedì per poi scendere bruscamente mercoledì per chiudere la settimana in ribasso di circa 2 punti base. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è aumentato dello 0,8% a 4.405,71, l'indice Nasdaq Composite è salito del 2,3% a 13.590,65, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,5% a 34.346,96, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 2 punti base al 4,23% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 2 punti base al 4,23%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,8%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 25 Aug 2023 IT

01 settembre, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i mercati azionari sono saliti, con 2 dei 3 principali indici di mercato che hanno registrato guadagni con una disparità piuttosto ampia tra i rendimenti degli indici. L’incertezza ha dominato le negoziazioni di inizio settimana con gli investitori in attesa del rapporto sugli utili di Nvidia mercoledì (dopo la chiusura) e del discorso di Jackson Hole del presidente della Fed Powell venerdì. Il pessimo rapporto sugli utili di Macy’s di martedì, che si aggiunge alle preoccupazioni sulla forza dei consumatori, ha contribuito a fare pressione sui mercati al ribasso. I risultati di Toll Brothers di mercoledì, molto migliori del previsto (indicando una forza sorprendentemente forte nella costruzione di case nonostante l’alto livello dei tassi ipotecari) insieme alle aspettative generalmente positive di Nvidia, hanno spinto tutti e 3 i livelli dell’indice almeno dello ½% in più. Sebbene il rapporto sugli utili di Nvidia abbia superato le aspettative (facendo salire il titolo di quasi il 10% dopo la chiusura di mercoledì), i mercati sono scesi di oltre l'1% giovedì (Nvidia ha chiuso la giornata praticamente invariata), assediati dalle crescenti preoccupazioni sui mezzi di cui l'economia seguirà molto più debole rispetto a prima. -ordinativi attesi di beni durevoli. Le richieste di sussidi di disoccupazione inferiori alle attese, indicanti un mercato del lavoro ancora resiliente, si sono aggiunte a tali preoccupazioni aumentando le aspettative di una continua politica monetaria restrittiva della Fed. I commenti di Powell venerdì nel complesso sono sembrati sostenere i mercati, lasciando gli investitori con l’aspettativa che la Fed resterà vigile nella sua lotta contro l’inflazione ma agirà con cautela. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni, riflettendo l'incertezza degli investitori all'inizio della scorsa settimana, sono aumentati notevolmente martedì per poi scendere bruscamente mercoledì per chiudere la settimana in ribasso di circa 2 punti base. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è aumentato dello 0,8% a 4.405,71, l'indice Nasdaq Composite è salito del 2,3% a 13.590,65, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,5% a 34.346,96, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 2 punti base al 4,23% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 2 punti base al 4,23%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,8%.

Tutti e tre i principali indici del mercato azionario si sono mossi notevolmente al ribasso la scorsa settimana, sotto la pressione delle crescenti preoccupazioni di “tassi più alti per un periodo più lungo”. I buoni dati economici pubblicati la scorsa settimana, tra cui vendite al dettaglio migliori del previsto e richieste iniziali di disoccupazione, hanno aggiunto alle preoccupazioni sui tassi spingendo al rialzo sia i tassi nominali che quelli reali dei titoli del Tesoro a 10 anni e, di conseguenza, spingendo al ribasso i prezzi delle azioni. Anche la pubblicazione dei verbali del FOMC di mercoledì ha contribuito alle aspettative di una continua vigilanza da parte della Fed, rivelando che la maggior parte dei membri del FOMC continua a essere preoccupata per i livelli di inflazione attuali e futuri. Anche la revisione al rialzo delle previsioni di crescita del PIL del terzo trimestre da parte della Fed di Atlanta (sempre avvenuta mercoledì) ha alimentato i timori di un rialzo dei tassi. Riflettendo le preoccupazioni per i tassi più alti, il tasso del Tesoro a 10 anni è aumentato di 9 punti base, con i tassi reali a 10 anni in aumento di 16 punti base e le aspettative di inflazione a 10 anni in calo di 7 punti base. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,1% a 4.369,71, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 2,6% a 13.290,78, il Dow Jones Industrial Average è sceso del 2,2% a 34.501,88, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è aumentato di 9 punti base al 4,25% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 9 punti base al 4,25%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 18 Aug 2023 IT

22 agosto, 2023 | GraniteShares
Tutti e tre i principali indici del mercato azionario si sono mossi notevolmente al ribasso la scorsa settimana, sotto la pressione delle crescenti preoccupazioni di “tassi più alti per un periodo più lungo”. I buoni dati economici pubblicati la scorsa settimana, tra cui vendite al dettaglio migliori del previsto e richieste iniziali di disoccupazione, hanno aggiunto alle preoccupazioni sui tassi spingendo al rialzo sia i tassi nominali che quelli reali dei titoli del Tesoro a 10 anni e, di conseguenza, spingendo al ribasso i prezzi delle azioni. Anche la pubblicazione dei verbali del FOMC di mercoledì ha contribuito alle aspettative di una continua vigilanza da parte della Fed, rivelando che la maggior parte dei membri del FOMC continua a essere preoccupata per i livelli di inflazione attuali e futuri. Anche la revisione al rialzo delle previsioni di crescita del PIL del terzo trimestre da parte della Fed di Atlanta (sempre avvenuta mercoledì) ha alimentato i timori di un rialzo dei tassi. Riflettendo le preoccupazioni per i tassi più alti, il tasso del Tesoro a 10 anni è aumentato di 9 punti base, con i tassi reali a 10 anni in aumento di 16 punti base e le aspettative di inflazione a 10 anni in calo di 7 punti base. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,1% a 4.369,71, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 2,6% a 13.290,78, il Dow Jones Industrial Average è sceso del 2,2% a 34.501,88, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è aumentato di 9 punti base al 4,25% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 9 punti base al 4,25%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%.

La performance dell’indice è stata divergente la scorsa settimana con il Nasdaq Composite che ha notevolmente sottoperformato il Dow Jones Industrial Average e l’indice S&P 500. Il Dow Jones Industrial Average è stato l'unico indice a chiudere la settimana con un guadagno, anche se l'indice S&P 500 ha chiuso la settimana leggermente al ribasso, perdendo poco più di ¼%. La pressione al ribasso sui titoli azionari sembra provenire da: 1) preoccupazioni che la Fed manterrà i tassi più alti per un periodo più lungo, 2) un’economia cinese vacillante e 3) rinnovate preoccupazioni sulla salute delle banche regionali in seguito al declassamento del rating creditizio di Moody’s di 10 banche regionali. Gli attuali livelli dei tassi di interesse potrebbero anche sminuire la performance del mercato azionario, mentre le obbligazioni rappresentano un investimento alternativo più attraente. La pubblicazione dell’indice dei prezzi al consumo migliore del previsto di giovedì ha spinto momentaneamente i mercati al rialzo, alimentando le speranze che la Fed sarà meno aggressiva in futuro, ma tali speranze sono state diminuite venerdì a seguito della pubblicazione dell’indice dei prezzi al consumo superiore alle attese. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso dello 0,3% a 4.464,05, l'indice Nasdaq Composite è sceso dell'1,9% a 13.644,85, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,6% a 35.281,47, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è aumentato di 12 punti base al 4,16% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 12 punti base al 4,16%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,8%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 11 Aug 2023 IT

15 agosto, 2023 | GraniteShares
La performance dell’indice è stata divergente la scorsa settimana con il Nasdaq Composite che ha notevolmente sottoperformato il Dow Jones Industrial Average e l’indice S&P 500. Il Dow Jones Industrial Average è stato l'unico indice a chiudere la settimana con un guadagno, anche se l'indice S&P 500 ha chiuso la settimana leggermente al ribasso, perdendo poco più di ¼%. La pressione al ribasso sui titoli azionari sembra provenire da: 1) preoccupazioni che la Fed manterrà i tassi più alti per un periodo più lungo, 2) un’economia cinese vacillante e 3) rinnovate preoccupazioni sulla salute delle banche regionali in seguito al declassamento del rating creditizio di Moody’s di 10 banche regionali. Gli attuali livelli dei tassi di interesse potrebbero anche sminuire la performance del mercato azionario, mentre le obbligazioni rappresentano un investimento alternativo più attraente. La pubblicazione dell’indice dei prezzi al consumo migliore del previsto di giovedì ha spinto momentaneamente i mercati al rialzo, alimentando le speranze che la Fed sarà meno aggressiva in futuro, ma tali speranze sono state diminuite venerdì a seguito della pubblicazione dell’indice dei prezzi al consumo superiore alle attese. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso dello 0,3% a 4.464,05, l'indice Nasdaq Composite è sceso dell'1,9% a 13.644,85, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,6% a 35.281,47, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è aumentato di 12 punti base al 4,16% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 12 punti base al 4,16%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,8%.

La settimana scorsa i mercati azionari si sono mossi al ribasso, con tutti e 3 gli indici principali che hanno perso più dell'1%. Il Dow Jones Industrial Average ha notevolmente sovraperformato gli indici Nasdaq Composite e S&P 500, con gli ultimi due indici che sono scesi al di sotto del 2%. L’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro sembra essere il principale colpevole delle perdite della scorsa settimana, con l’interesse degli investitori apparentemente orientato verso gli investimenti obbligazionari piuttosto che azionari (anche i forti guadagni da inizio anno potrebbero essere parte della dinamica). I rendimenti dei titoli del Tesoro, in rialzo di oltre 20 punti base fino a giovedì, sono aumentati notevolmente dopo l'annuncio di finanziamenti molto più consistenti del previsto mercoledì. Il declassamento da parte di Fitch Ratings (mercoledì) del rating del credito statunitense (da AAA a AA+) potrebbe essere stato un altro fattore che ha contribuito all’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro e alla riduzione dei prezzi delle azioni. Il rapporto sui salari di venerdì, che mostra un aumento inferiore alle attese ma continue pressioni salariali al rialzo, ha fatto ben poco per invertire il sentiment degli investitori nei confronti delle azioni, ma apparentemente ha dissipato le aspettative di “tassi più alti”, spostando il tasso del Tesoro a 10 anni più in basso di 14 punti base. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,3% a 4.478,03, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 2,9% a 13.909,24, il Dow Jones Industrial Average è sceso dell'1,1% a 35.065,15, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è aumentato di 8 punti base al 4,04% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 8 punti base al 4,04%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,4%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 04 Aug 2023 IT

08 agosto, 2023 | GraniteShares
La settimana scorsa i mercati azionari si sono mossi al ribasso, con tutti e 3 gli indici principali che hanno perso più dell'1%. Il Dow Jones Industrial Average ha notevolmente sovraperformato gli indici Nasdaq Composite e S&P 500, con gli ultimi due indici che sono scesi al di sotto del 2%. L’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro sembra essere il principale colpevole delle perdite della scorsa settimana, con l’interesse degli investitori apparentemente orientato verso gli investimenti obbligazionari piuttosto che azionari (anche i forti guadagni da inizio anno potrebbero essere parte della dinamica). I rendimenti dei titoli del Tesoro, in rialzo di oltre 20 punti base fino a giovedì, sono aumentati notevolmente dopo l'annuncio di finanziamenti molto più consistenti del previsto mercoledì. Il declassamento da parte di Fitch Ratings (mercoledì) del rating del credito statunitense (da AAA a AA+) potrebbe essere stato un altro fattore che ha contribuito all’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro e alla riduzione dei prezzi delle azioni. Il rapporto sui salari di venerdì, che mostra un aumento inferiore alle attese ma continue pressioni salariali al rialzo, ha fatto ben poco per invertire il sentiment degli investitori nei confronti delle azioni, ma apparentemente ha dissipato le aspettative di “tassi più alti”, spostando il tasso del Tesoro a 10 anni più in basso di 14 punti base. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,3% a 4.478,03, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 2,9% a 13.909,24, il Dow Jones Industrial Average è sceso dell'1,1% a 35.065,15, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è aumentato di 8 punti base al 4,04% e il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 8 punti base al 4,04%. il dollaro (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,4%.

f