Avviso: Divisione inversa attivata 3SPA(1:8,500), 3SMI(1:35,000) and 3SSQ(1:16,00)

<!--<p>Nuovi ETPs:<small class="text-black ps-2">FTSE MIB</small></p>-->
<p>Avviso: <small class="text-black ps-2"> <small class="text-black ps-2">Divisione inversa attivata 3SPA(1:8,500), 3SMI(1:35,000) and 3SSQ(1:16,00)</small></small></p>

Ricerca

Sia gli investitori che i gestori di hedge fund diversificano i loro portafogli investendo negli ETF FANG. Cosa sono le azioni FANG e perché sono così popolari? Esamineremo come si comportano le azioni FANG e perché queste azioni sono redditizie. Che tu preferisca strategie di investimento a lungo oa breve termine, FANG beneficia di entrambe. Spiegheremo perché questi leader del settore valgono il tuo investimento.

Argomento: FAANG , GAFAM , FATANG

Tipo di pubblicazione: ETP and Industry

Come investire negli ETF FANG

03 November, 2021 | GraniteShares
Sia gli investitori che i gestori di hedge fund diversificano i loro portafogli investendo negli ETF FANG. Cosa sono le azioni FANG e perché sono così popolari? Esamineremo come si comportano le azioni FANG e perché queste azioni sono redditizie. Che tu preferisca strategie di investimento a lungo oa breve termine, FANG beneficia di entrambe. Spiegheremo perché questi leader del settore valgono il tuo investimento.

Una capitalizzazione di mercato di USD 760 miliardi per Tesla, contro i 93 miliardi di BYD. Eppure nel terzo trimestre del 2023 il produttore cinese di veicoli con base a Shenzhen ha venduto 431.603 auto elettriche, quasi quante le 435.059 vendute da Tesla. BYD, nella quale la Berkshire Hathaway di Warren Buffett ha investito già nel 2008, è infatti ora il primo produttore cinese di veicoli elettrici e plug-in, e ha recentemente pubblicato risultati trimestrali record: l’utile è raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, a USD 1,6 miliardi.

Argomento: Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Articles , Investments , Investimenti

Tesla vs BYD: Quarterly Results Comparison

24 October, 2023 | GraniteShares
Una capitalizzazione di mercato di USD 760 miliardi per Tesla, contro i 93 miliardi di BYD. Eppure nel terzo trimestre del 2023 il produttore cinese di veicoli con base a Shenzhen ha venduto 431.603 auto elettriche, quasi quante le 435.059 vendute da Tesla. BYD, nella quale la Berkshire Hathaway di Warren Buffett ha investito già nel 2008, è infatti ora il primo produttore cinese di veicoli elettrici e plug-in, e ha recentemente pubblicato risultati trimestrali record: l’utile è raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, a USD 1,6 miliardi.

Dai un'occhiata a questo articolo per informazioni sulla vendita allo scoperto di azioni Tesla in modo sicuro e su una società innovativa che ti aiuterà a espandere il tuo portafoglio di investimenti con pochi problemi.

Argomento: Technology

Tipo di pubblicazione: Investment Cases , Investments , Single stock research

Come andare short sulle azioni Tesla

03 November, 2021 | GraniteShares
Dai un'occhiata a questo articolo per informazioni sulla vendita allo scoperto di azioni Tesla in modo sicuro e su una società innovativa che ti aiuterà a espandere il tuo portafoglio di investimenti con pochi problemi.

Dai un'occhiata a questo articolo per informazioni sulla vendita allo scoperto di azioni Tesla in modo sicuro e su una società innovativa che ti aiuterà a espandere il tuo portafoglio di investimenti con pochi problemi.

Argomento: Technology

Tipo di pubblicazione: Investment Cases , Investments , Single stock research

Come andare short sulle azioni Tesla

03 November, 2021 | GraniteShares
Dai un'occhiata a questo articolo per informazioni sulla vendita allo scoperto di azioni Tesla in modo sicuro e su una società innovativa che ti aiuterà a espandere il tuo portafoglio di investimenti con pochi problemi.

Un'altra settimana positiva per i principali indici azionari, con l'indice Nasdaq Composite che ha nettamente sovraperformato sia l'indice S&P 500 che il Dow Jones Industrial Average. È interessante notare che la maggior parte dei guadagni della settimana sono arrivati venerdì, apparentemente senza alcuna notizia reale. La scorsa settimana i tassi dei titoli del Tesoro a lungo termine sono stati alquanto volatili, con tassi in calo che hanno per lo più fatto precipitare i livelli degli indici azionari più alti e viceversa. Fino a mercoledì, i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni sono scesi di 11 punti base, supportati dalle aspettative esistenti di “tassi di picco” (sulla base di dati economici deboli (negli Stati Uniti e a livello globale) e da un’asta dei titoli del Tesoro a 10 anni migliore del previsto. I tassi hanno registrato una brusca inversione giovedì. dopo i commenti del presidente della Fed Powell secondo cui potrebbero essere necessari ulteriori aumenti dei tassi e dopo un'asta di titoli del Tesoro trentennali peggiore del previsto. Venerdì i mercati hanno registrato un forte rialzo, portando tutti e 3 i principali livelli degli indici al rialzo nel corso della settimana. Per la settimana, l'indice S&P 500 L'indice è salito dell'1,3% a 4.415,24, il Nasdaq Composite Index ha guadagnato il 2,4% a 13.798,11, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,7% a 34.283,10, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 7 punti base al 4,65% e il dollaro USA (misurato dall'ICE U.S. L’indice del dollaro – DXY) si è apprezzato dello 0,8%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 10 Nov 2023 IT

14 November, 2023 | GraniteShares
Un'altra settimana positiva per i principali indici azionari, con l'indice Nasdaq Composite che ha nettamente sovraperformato sia l'indice S&P 500 che il Dow Jones Industrial Average. È interessante notare che la maggior parte dei guadagni della settimana sono arrivati venerdì, apparentemente senza alcuna notizia reale. La scorsa settimana i tassi dei titoli del Tesoro a lungo termine sono stati alquanto volatili, con tassi in calo che hanno per lo più fatto precipitare i livelli degli indici azionari più alti e viceversa. Fino a mercoledì, i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni sono scesi di 11 punti base, supportati dalle aspettative esistenti di “tassi di picco” (sulla base di dati economici deboli (negli Stati Uniti e a livello globale) e da un’asta dei titoli del Tesoro a 10 anni migliore del previsto. I tassi hanno registrato una brusca inversione giovedì. dopo i commenti del presidente della Fed Powell secondo cui potrebbero essere necessari ulteriori aumenti dei tassi e dopo un'asta di titoli del Tesoro trentennali peggiore del previsto. Venerdì i mercati hanno registrato un forte rialzo, portando tutti e 3 i principali livelli degli indici al rialzo nel corso della settimana. Per la settimana, l'indice S&P 500 L'indice è salito dell'1,3% a 4.415,24, il Nasdaq Composite Index ha guadagnato il 2,4% a 13.798,11, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,7% a 34.283,10, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 7 punti base al 4,65% e il dollaro USA (misurato dall'ICE U.S. L’indice del dollaro – DXY) si è apprezzato dello 0,8%.

La scorsa settimana i principali indici azionari hanno registrato guadagni impressionanti, con l’indice Nasdaq Composite in rialzo di quasi il 7%, l’S&P 500 in rialzo di quasi il 6% e il Dow Jones Industrial Average in rialzo del 5%. I guadagni sono arrivati in parte sulla scia di utili societari migliori del previsto, ma soprattutto grazie alle maggiori aspettative che la Fed avrebbe deciso di alzare i tassi. Il FOMC ha lasciato i tassi invariati, come previsto, ma i successivi commenti del presidente della Fed Powell, secondo cui tassi a lungo termine più alti potrebbero alleviare la necessità di ulteriori aumenti dei tassi, hanno sollevato le aspettative di una svolta della politica monetaria della Fed e hanno posto le basi per tassi più bassi e un aumento significativo del rischio. sul sentimento. L’annuncio dei rimborsi di mercoledì, con un’emissione più ponderata del previsto su titoli e banconote a breve termine, ha contribuito a far scendere i tassi a lungo termine e, di conseguenza, a far salire i prezzi delle azioni. Il rapporto sull’occupazione di venerdì, più debole del previsto, sembra aver confermato le aspettative della Fed, spingendo ancora una volta i tassi più in basso e sollevando, sulla sua scia, i prezzi delle azioni. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito del 5,8% a 4.358,34, l'indice Nasdaq Composite ha guadagnato il 5,5% a 13.478,28, il Dow Jones Industrial Average è cresciuto del 5,1% a 34.061,32, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 26 punti base al 4,58% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è indebolito dell’1,4%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 03 Nov 2023 IT

07 November, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i principali indici azionari hanno registrato guadagni impressionanti, con l’indice Nasdaq Composite in rialzo di quasi il 7%, l’S&P 500 in rialzo di quasi il 6% e il Dow Jones Industrial Average in rialzo del 5%. I guadagni sono arrivati in parte sulla scia di utili societari migliori del previsto, ma soprattutto grazie alle maggiori aspettative che la Fed avrebbe deciso di alzare i tassi. Il FOMC ha lasciato i tassi invariati, come previsto, ma i successivi commenti del presidente della Fed Powell, secondo cui tassi a lungo termine più alti potrebbero alleviare la necessità di ulteriori aumenti dei tassi, hanno sollevato le aspettative di una svolta della politica monetaria della Fed e hanno posto le basi per tassi più bassi e un aumento significativo del rischio. sul sentimento. L’annuncio dei rimborsi di mercoledì, con un’emissione più ponderata del previsto su titoli e banconote a breve termine, ha contribuito a far scendere i tassi a lungo termine e, di conseguenza, a far salire i prezzi delle azioni. Il rapporto sull’occupazione di venerdì, più debole del previsto, sembra aver confermato le aspettative della Fed, spingendo ancora una volta i tassi più in basso e sollevando, sulla sua scia, i prezzi delle azioni. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito del 5,8% a 4.358,34, l'indice Nasdaq Composite ha guadagnato il 5,5% a 13.478,28, il Dow Jones Industrial Average è cresciuto del 5,1% a 34.061,32, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 26 punti base al 4,58% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è indebolito dell’1,4%.

La scorsa settimana i mercati azionari sono scesi nuovamente, colpiti dall’aumento dei tassi di interesse, da una serie di risultati deludenti sugli utili e, in un mondo in cui le buone notizie sono cattive notizie, da una crescita del PIL e della spesa al consumo più forti del previsto. I timori di tassi più alti per periodi più lunghi sono emersi all'inizio della settimana, portando i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni al livello del 5% e mentre i tassi si sono abbassati nel corso della settimana, le preoccupazioni sono rimaste radicate nel sentiment del mercato a seguito di un andamento molto più forte del previsto. -rilascio previsto del PIL, richieste iniziali di sussidi di disoccupazione ancora basse e un forte rilascio dell'indice PMI composito. I deludenti ricavi/utili del cloud di Alphabet (pubblicati mercoledì) hanno aumentato la pressione al ribasso del mercato, soprattutto nel settore tecnologico. Venerdì tali perdite sono state parzialmente invertite, con gli utili di Amazon nettamente superiori alle proiezioni degli analisti. Le preoccupazioni geopolitiche, concentrate nel Medio Oriente, hanno alimentato gli acquisti di beni rifugio, facendo salire l’oro, i tassi del Tesoro e il dollaro USA, aumentando al tempo stesso la propensione al rischio. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,6% a 4.113,05, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 2,9% a 12.611,58, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 32.418,05, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 7 punti base al 4,84% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,4%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 27 Oct 2023 IT

31 October, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i mercati azionari sono scesi nuovamente, colpiti dall’aumento dei tassi di interesse, da una serie di risultati deludenti sugli utili e, in un mondo in cui le buone notizie sono cattive notizie, da una crescita del PIL e della spesa al consumo più forti del previsto. I timori di tassi più alti per periodi più lunghi sono emersi all'inizio della settimana, portando i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni al livello del 5% e mentre i tassi si sono abbassati nel corso della settimana, le preoccupazioni sono rimaste radicate nel sentiment del mercato a seguito di un andamento molto più forte del previsto. -rilascio previsto del PIL, richieste iniziali di sussidi di disoccupazione ancora basse e un forte rilascio dell'indice PMI composito. I deludenti ricavi/utili del cloud di Alphabet (pubblicati mercoledì) hanno aumentato la pressione al ribasso del mercato, soprattutto nel settore tecnologico. Venerdì tali perdite sono state parzialmente invertite, con gli utili di Amazon nettamente superiori alle proiezioni degli analisti. Le preoccupazioni geopolitiche, concentrate nel Medio Oriente, hanno alimentato gli acquisti di beni rifugio, facendo salire l’oro, i tassi del Tesoro e il dollaro USA, aumentando al tempo stesso la propensione al rischio. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,6% a 4.113,05, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 2,9% a 12.611,58, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 32.418,05, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 7 punti base al 4,84% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,4%.

La scorsa settimana i principali indici azionari si sono mossi nettamente al ribasso, rinunciando ai forti guadagni registrati lunedì. Il sentiment degli investitori ha iniziato la settimana rinvigorito con l'attenuarsi delle preoccupazioni relative alle tensioni in Medio Oriente e con i commenti percepiti come accomodanti da parte dei funzionari della Fed. Quel sentimento ha iniziato a cambiare martedì, tuttavia, dopo che un rapporto sulle vendite al dettaglio molto più forte del previsto ha instillato nuovamente l’angoscia sulla politica monetaria della Fed, spingendo i tassi del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e lasciando gli indici azionari sostanzialmente invariati. Le rinnovate preoccupazioni per il Medio Oriente, gli Stati Uniti hanno imposto restrizioni sulle vendite di chip AI alla Cina e i tassi del Tesoro a 10 anni in costante aumento hanno spinto i mercati azionari al ribasso da mercoledì a venerdì. Il discorso di Jerome Powell di giovedì si è aggiunto alle pressioni al ribasso con il presidente Powell che ha affermato di non credere che la politica monetaria fosse eccessivamente restrittiva e che i tassi potrebbero dover rimanere alti per un po’. Giovedì si è visto anche un rapporto estremamente debole sulle vendite di case esistenti, senza alcun effetto reale sui tassi del Tesoro o sui mercati azionari. Venerdì gli indici azionari sono scesi dell'1% o più e i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni si sono allontanati dal massimo di giovedì prossimo al 5% in assenza di nuove notizie. Per la settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,4% a 4.224,16, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 3,2 % a 12.983,81, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 33.127,21, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è aumentato di 29 punti base al 4,81% e il dollaro USA (misurato dall'indice ICE U.S. Dollar Index – DXY) si è indebolito dello 0,5%

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Healthcare , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 20 Oct 2023 IT

24 October, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i principali indici azionari si sono mossi nettamente al ribasso, rinunciando ai forti guadagni registrati lunedì. Il sentiment degli investitori ha iniziato la settimana rinvigorito con l'attenuarsi delle preoccupazioni relative alle tensioni in Medio Oriente e con i commenti percepiti come accomodanti da parte dei funzionari della Fed. Quel sentimento ha iniziato a cambiare martedì, tuttavia, dopo che un rapporto sulle vendite al dettaglio molto più forte del previsto ha instillato nuovamente l’angoscia sulla politica monetaria della Fed, spingendo i tassi del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e lasciando gli indici azionari sostanzialmente invariati. Le rinnovate preoccupazioni per il Medio Oriente, gli Stati Uniti hanno imposto restrizioni sulle vendite di chip AI alla Cina e i tassi del Tesoro a 10 anni in costante aumento hanno spinto i mercati azionari al ribasso da mercoledì a venerdì. Il discorso di Jerome Powell di giovedì si è aggiunto alle pressioni al ribasso con il presidente Powell che ha affermato di non credere che la politica monetaria fosse eccessivamente restrittiva e che i tassi potrebbero dover rimanere alti per un po’. Giovedì si è visto anche un rapporto estremamente debole sulle vendite di case esistenti, senza alcun effetto reale sui tassi del Tesoro o sui mercati azionari. Venerdì gli indici azionari sono scesi dell'1% o più e i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni si sono allontanati dal massimo di giovedì prossimo al 5% in assenza di nuove notizie. Per la settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,4% a 4.224,16, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 3,2 % a 12.983,81, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 33.127,21, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è aumentato di 29 punti base al 4,81% e il dollaro USA (misurato dall'indice ICE U.S. Dollar Index – DXY) si è indebolito dello 0,5%

I prezzi delle azioni sono aumentati notevolmente all'inizio della scorsa settimana, con tutti e 3 i principali indici azionari che hanno guadagnato oltre l'1%. L’aumento è arrivato sulla scia dei commenti accomodanti dei funzionari della Fed, secondo i quali tassi più alti a lungo termine avrebbero probabilmente reso inutili ulteriori aumenti dei tassi. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni, in reazione a questi commenti, sono scesi di oltre 25 punti base fino a mercoledì. La pubblicazione dell'indice PPI leggermente migliore del previsto (mercoledì) e le crescenti speranze di un raffreddamento dell'inflazione hanno contribuito allo slancio rialzista. Il sentiment è cambiato, tuttavia, dopo la pubblicazione tiepida dell’indice dei prezzi al consumo di giovedì, che ha riacceso le preoccupazioni sui tassi più alti per un periodo più lungo, spingendo il tasso del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e esercitando pressioni al ribasso sui prezzi delle azioni. Questa pressione è continuata fino a venerdì, con un sentimento di avversione al rischio che ha dominato i mercati a causa delle crescenti preoccupazioni relative alla controffensiva di Israele contro gli attacchi terroristici di Hamas. Gli indici Nasdaq Composite e S&P 500 si sono mossi nettamente al ribasso, mentre i prezzi dei beni rifugio si sono mossi nettamente al rialzo. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito dello 0,4% a 4.327,28, l'indice Nasdaq Composite è sceso dello 0,2% a 13.407,23, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,8% a 33.670,29, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è sceso di 19 punti base al 4,62% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 13 Oct 2023 IT

17 October, 2023 | GraniteShares
I prezzi delle azioni sono aumentati notevolmente all'inizio della scorsa settimana, con tutti e 3 i principali indici azionari che hanno guadagnato oltre l'1%. L’aumento è arrivato sulla scia dei commenti accomodanti dei funzionari della Fed, secondo i quali tassi più alti a lungo termine avrebbero probabilmente reso inutili ulteriori aumenti dei tassi. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni, in reazione a questi commenti, sono scesi di oltre 25 punti base fino a mercoledì. La pubblicazione dell'indice PPI leggermente migliore del previsto (mercoledì) e le crescenti speranze di un raffreddamento dell'inflazione hanno contribuito allo slancio rialzista. Il sentiment è cambiato, tuttavia, dopo la pubblicazione tiepida dell’indice dei prezzi al consumo di giovedì, che ha riacceso le preoccupazioni sui tassi più alti per un periodo più lungo, spingendo il tasso del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e esercitando pressioni al ribasso sui prezzi delle azioni. Questa pressione è continuata fino a venerdì, con un sentimento di avversione al rischio che ha dominato i mercati a causa delle crescenti preoccupazioni relative alla controffensiva di Israele contro gli attacchi terroristici di Hamas. Gli indici Nasdaq Composite e S&P 500 si sono mossi nettamente al ribasso, mentre i prezzi dei beni rifugio si sono mossi nettamente al rialzo. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito dello 0,4% a 4.327,28, l'indice Nasdaq Composite è sceso dello 0,2% a 13.407,23, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,8% a 33.670,29, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è sceso di 19 punti base al 4,62% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%.

La
società GraniteShares
è
una
società
specializzata
nella
creazione
e
gestione
di
ETF
ed
ETP.
 Grazie
alla
tecnologia
finanziaria,
la
società
offre
agli
investitori
soluzioni
innovative,
 con
un
focus
su
prodotti
“high
conviction”,
che
permettono
di
prendere
esposizioni
a
 leva
in
modo
efficiente
su
singoli
titoli
o
panieri
concentrati.


Tipo di pubblicazione: Regulatory News

GraniteShares Factsheet Italy

18 October, 2023 | GraniteShares
La
società GraniteShares
è
una
società
specializzata
nella
creazione
e
gestione
di
ETF
ed
ETP.
 Grazie
alla
tecnologia
finanziaria,
la
società
offre
agli
investitori
soluzioni
innovative,
 con
un
focus
su
prodotti
“high
conviction”,
che
permettono
di
prendere
esposizioni
a
 leva
in
modo
efficiente
su
singoli
titoli
o
panieri
concentrati.


GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X LONG NIO DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF CONSOLIDATION OF SECURITIES 20230329

Argomento: Financials

Tipo di pubblicazione: Regulatory News

3LNI - 1st security holder notice of consolidation IT

12 April, 2023 | GraniteShares
GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X LONG NIO DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF CONSOLIDATION OF SECURITIES 20230329

GRANITESHARES FINANCIAL PLC (l'“Emittente”) GRANITESHARES 3X SHORT FACEBOOK DAILY ETP SECURITIES (gli “ETP Securities”) AVVISO DI MODIFICA DEL RIMBORSO MINIMO

Argomento: Tecnologia

Tipo di pubblicazione: Regulatory News

3SFB - NOTICE OF AMENDMENT OF MRA 20230331 IT

31 March, 2023 | GraniteShares
GRANITESHARES FINANCIAL PLC (l'“Emittente”) GRANITESHARES 3X SHORT FACEBOOK DAILY ETP SECURITIES (gli “ETP Securities”) AVVISO DI MODIFICA DEL RIMBORSO MINIMO

GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X SHORT NVIDIA DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF CONDOLIDATION OF SECURITIES 20230331

Argomento: Industrials , Tecnologia

Tipo di pubblicazione: Regulatory News

3SNV - NOTICE OF AMENDMENT OF MRA 20230331 IT

31 March, 2023 | GraniteShares
GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X SHORT NVIDIA DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF CONDOLIDATION OF SECURITIES 20230331

GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X SHORT UBER DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF AMENDMENT OF MINIMUM REDEMPTION AMOUNT 20230331

Argomento: Industrials

Tipo di pubblicazione: Regulatory News

3SUB - NOTICE OF AMENDMENT OF MRA 20230331 IT

31 March, 2023 | GraniteShares
GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X SHORT UBER DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF AMENDMENT OF MINIMUM REDEMPTION AMOUNT 20230331

Sia gli investitori che i gestori di hedge fund diversificano i loro portafogli investendo negli ETF FANG. Cosa sono le azioni FANG e perché sono così popolari? Esamineremo come si comportano le azioni FANG e perché queste azioni sono redditizie. Che tu preferisca strategie di investimento a lungo oa breve termine, FANG beneficia di entrambe. Spiegheremo perché questi leader del settore valgono il tuo investimento.

Argomento: FAANG , GAFAM , FATANG

Tipo di pubblicazione: ETP and Industry

Come investire negli ETF FANG

03 November, 2021 | GraniteShares
Sia gli investitori che i gestori di hedge fund diversificano i loro portafogli investendo negli ETF FANG. Cosa sono le azioni FANG e perché sono così popolari? Esamineremo come si comportano le azioni FANG e perché queste azioni sono redditizie. Che tu preferisca strategie di investimento a lungo oa breve termine, FANG beneficia di entrambe. Spiegheremo perché questi leader del settore valgono il tuo investimento.

Una capitalizzazione di mercato di USD 760 miliardi per Tesla, contro i 93 miliardi di BYD. Eppure nel terzo trimestre del 2023 il produttore cinese di veicoli con base a Shenzhen ha venduto 431.603 auto elettriche, quasi quante le 435.059 vendute da Tesla. BYD, nella quale la Berkshire Hathaway di Warren Buffett ha investito già nel 2008, è infatti ora il primo produttore cinese di veicoli elettrici e plug-in, e ha recentemente pubblicato risultati trimestrali record: l’utile è raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, a USD 1,6 miliardi.

Argomento: Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Articles , Investments , Investimenti

Tesla vs BYD: Quarterly Results Comparison

24 October, 2023 | GraniteShares
Una capitalizzazione di mercato di USD 760 miliardi per Tesla, contro i 93 miliardi di BYD. Eppure nel terzo trimestre del 2023 il produttore cinese di veicoli con base a Shenzhen ha venduto 431.603 auto elettriche, quasi quante le 435.059 vendute da Tesla. BYD, nella quale la Berkshire Hathaway di Warren Buffett ha investito già nel 2008, è infatti ora il primo produttore cinese di veicoli elettrici e plug-in, e ha recentemente pubblicato risultati trimestrali record: l’utile è raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, a USD 1,6 miliardi.
Dai un'occhiata a questo articolo per informazioni sulla vendita allo scoperto di azioni Tesla in modo sicuro e su una società innovativa che ti aiuterà a espandere il tuo portafoglio di investimenti con pochi problemi.

Argomento: Technology

Tipo di pubblicazione: Investment Cases , Investments , Single stock research

Come andare short sulle azioni Tesla

03 November, 2021 | GraniteShares
Dai un'occhiata a questo articolo per informazioni sulla vendita allo scoperto di azioni Tesla in modo sicuro e su una società innovativa che ti aiuterà a espandere il tuo portafoglio di investimenti con pochi problemi.

Dai un'occhiata a questo articolo per informazioni sulla vendita allo scoperto di azioni Tesla in modo sicuro e su una società innovativa che ti aiuterà a espandere il tuo portafoglio di investimenti con pochi problemi.

Argomento: Technology

Tipo di pubblicazione: Investment Cases , Investments , Single stock research

Come andare short sulle azioni Tesla

03 November, 2021 | GraniteShares
Dai un'occhiata a questo articolo per informazioni sulla vendita allo scoperto di azioni Tesla in modo sicuro e su una società innovativa che ti aiuterà a espandere il tuo portafoglio di investimenti con pochi problemi.

Un'altra settimana positiva per i principali indici azionari, con l'indice Nasdaq Composite che ha nettamente sovraperformato sia l'indice S&P 500 che il Dow Jones Industrial Average. È interessante notare che la maggior parte dei guadagni della settimana sono arrivati venerdì, apparentemente senza alcuna notizia reale. La scorsa settimana i tassi dei titoli del Tesoro a lungo termine sono stati alquanto volatili, con tassi in calo che hanno per lo più fatto precipitare i livelli degli indici azionari più alti e viceversa. Fino a mercoledì, i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni sono scesi di 11 punti base, supportati dalle aspettative esistenti di “tassi di picco” (sulla base di dati economici deboli (negli Stati Uniti e a livello globale) e da un’asta dei titoli del Tesoro a 10 anni migliore del previsto. I tassi hanno registrato una brusca inversione giovedì. dopo i commenti del presidente della Fed Powell secondo cui potrebbero essere necessari ulteriori aumenti dei tassi e dopo un'asta di titoli del Tesoro trentennali peggiore del previsto. Venerdì i mercati hanno registrato un forte rialzo, portando tutti e 3 i principali livelli degli indici al rialzo nel corso della settimana. Per la settimana, l'indice S&P 500 L'indice è salito dell'1,3% a 4.415,24, il Nasdaq Composite Index ha guadagnato il 2,4% a 13.798,11, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,7% a 34.283,10, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 7 punti base al 4,65% e il dollaro USA (misurato dall'ICE U.S. L’indice del dollaro – DXY) si è apprezzato dello 0,8%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 10 Nov 2023 IT

14 November, 2023 | GraniteShares
Un'altra settimana positiva per i principali indici azionari, con l'indice Nasdaq Composite che ha nettamente sovraperformato sia l'indice S&P 500 che il Dow Jones Industrial Average. È interessante notare che la maggior parte dei guadagni della settimana sono arrivati venerdì, apparentemente senza alcuna notizia reale. La scorsa settimana i tassi dei titoli del Tesoro a lungo termine sono stati alquanto volatili, con tassi in calo che hanno per lo più fatto precipitare i livelli degli indici azionari più alti e viceversa. Fino a mercoledì, i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni sono scesi di 11 punti base, supportati dalle aspettative esistenti di “tassi di picco” (sulla base di dati economici deboli (negli Stati Uniti e a livello globale) e da un’asta dei titoli del Tesoro a 10 anni migliore del previsto. I tassi hanno registrato una brusca inversione giovedì. dopo i commenti del presidente della Fed Powell secondo cui potrebbero essere necessari ulteriori aumenti dei tassi e dopo un'asta di titoli del Tesoro trentennali peggiore del previsto. Venerdì i mercati hanno registrato un forte rialzo, portando tutti e 3 i principali livelli degli indici al rialzo nel corso della settimana. Per la settimana, l'indice S&P 500 L'indice è salito dell'1,3% a 4.415,24, il Nasdaq Composite Index ha guadagnato il 2,4% a 13.798,11, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,7% a 34.283,10, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è salito di 7 punti base al 4,65% e il dollaro USA (misurato dall'ICE U.S. L’indice del dollaro – DXY) si è apprezzato dello 0,8%.
La scorsa settimana i principali indici azionari hanno registrato guadagni impressionanti, con l’indice Nasdaq Composite in rialzo di quasi il 7%, l’S&P 500 in rialzo di quasi il 6% e il Dow Jones Industrial Average in rialzo del 5%. I guadagni sono arrivati in parte sulla scia di utili societari migliori del previsto, ma soprattutto grazie alle maggiori aspettative che la Fed avrebbe deciso di alzare i tassi. Il FOMC ha lasciato i tassi invariati, come previsto, ma i successivi commenti del presidente della Fed Powell, secondo cui tassi a lungo termine più alti potrebbero alleviare la necessità di ulteriori aumenti dei tassi, hanno sollevato le aspettative di una svolta della politica monetaria della Fed e hanno posto le basi per tassi più bassi e un aumento significativo del rischio. sul sentimento. L’annuncio dei rimborsi di mercoledì, con un’emissione più ponderata del previsto su titoli e banconote a breve termine, ha contribuito a far scendere i tassi a lungo termine e, di conseguenza, a far salire i prezzi delle azioni. Il rapporto sull’occupazione di venerdì, più debole del previsto, sembra aver confermato le aspettative della Fed, spingendo ancora una volta i tassi più in basso e sollevando, sulla sua scia, i prezzi delle azioni. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito del 5,8% a 4.358,34, l'indice Nasdaq Composite ha guadagnato il 5,5% a 13.478,28, il Dow Jones Industrial Average è cresciuto del 5,1% a 34.061,32, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 26 punti base al 4,58% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è indebolito dell’1,4%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 03 Nov 2023 IT

07 November, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i principali indici azionari hanno registrato guadagni impressionanti, con l’indice Nasdaq Composite in rialzo di quasi il 7%, l’S&P 500 in rialzo di quasi il 6% e il Dow Jones Industrial Average in rialzo del 5%. I guadagni sono arrivati in parte sulla scia di utili societari migliori del previsto, ma soprattutto grazie alle maggiori aspettative che la Fed avrebbe deciso di alzare i tassi. Il FOMC ha lasciato i tassi invariati, come previsto, ma i successivi commenti del presidente della Fed Powell, secondo cui tassi a lungo termine più alti potrebbero alleviare la necessità di ulteriori aumenti dei tassi, hanno sollevato le aspettative di una svolta della politica monetaria della Fed e hanno posto le basi per tassi più bassi e un aumento significativo del rischio. sul sentimento. L’annuncio dei rimborsi di mercoledì, con un’emissione più ponderata del previsto su titoli e banconote a breve termine, ha contribuito a far scendere i tassi a lungo termine e, di conseguenza, a far salire i prezzi delle azioni. Il rapporto sull’occupazione di venerdì, più debole del previsto, sembra aver confermato le aspettative della Fed, spingendo ancora una volta i tassi più in basso e sollevando, sulla sua scia, i prezzi delle azioni. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito del 5,8% a 4.358,34, l'indice Nasdaq Composite ha guadagnato il 5,5% a 13.478,28, il Dow Jones Industrial Average è cresciuto del 5,1% a 34.061,32, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 26 punti base al 4,58% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è indebolito dell’1,4%.
La scorsa settimana i mercati azionari sono scesi nuovamente, colpiti dall’aumento dei tassi di interesse, da una serie di risultati deludenti sugli utili e, in un mondo in cui le buone notizie sono cattive notizie, da una crescita del PIL e della spesa al consumo più forti del previsto. I timori di tassi più alti per periodi più lunghi sono emersi all'inizio della settimana, portando i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni al livello del 5% e mentre i tassi si sono abbassati nel corso della settimana, le preoccupazioni sono rimaste radicate nel sentiment del mercato a seguito di un andamento molto più forte del previsto. -rilascio previsto del PIL, richieste iniziali di sussidi di disoccupazione ancora basse e un forte rilascio dell'indice PMI composito. I deludenti ricavi/utili del cloud di Alphabet (pubblicati mercoledì) hanno aumentato la pressione al ribasso del mercato, soprattutto nel settore tecnologico. Venerdì tali perdite sono state parzialmente invertite, con gli utili di Amazon nettamente superiori alle proiezioni degli analisti. Le preoccupazioni geopolitiche, concentrate nel Medio Oriente, hanno alimentato gli acquisti di beni rifugio, facendo salire l’oro, i tassi del Tesoro e il dollaro USA, aumentando al tempo stesso la propensione al rischio. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,6% a 4.113,05, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 2,9% a 12.611,58, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 32.418,05, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 7 punti base al 4,84% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,4%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 27 Oct 2023 IT

31 October, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i mercati azionari sono scesi nuovamente, colpiti dall’aumento dei tassi di interesse, da una serie di risultati deludenti sugli utili e, in un mondo in cui le buone notizie sono cattive notizie, da una crescita del PIL e della spesa al consumo più forti del previsto. I timori di tassi più alti per periodi più lunghi sono emersi all'inizio della settimana, portando i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni al livello del 5% e mentre i tassi si sono abbassati nel corso della settimana, le preoccupazioni sono rimaste radicate nel sentiment del mercato a seguito di un andamento molto più forte del previsto. -rilascio previsto del PIL, richieste iniziali di sussidi di disoccupazione ancora basse e un forte rilascio dell'indice PMI composito. I deludenti ricavi/utili del cloud di Alphabet (pubblicati mercoledì) hanno aumentato la pressione al ribasso del mercato, soprattutto nel settore tecnologico. Venerdì tali perdite sono state parzialmente invertite, con gli utili di Amazon nettamente superiori alle proiezioni degli analisti. Le preoccupazioni geopolitiche, concentrate nel Medio Oriente, hanno alimentato gli acquisti di beni rifugio, facendo salire l’oro, i tassi del Tesoro e il dollaro USA, aumentando al tempo stesso la propensione al rischio. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,6% a 4.113,05, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 2,9% a 12.611,58, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 32.418,05, il tasso del Tesoro statunitense a 10 anni è sceso di 7 punti base al 4,84% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,4%.
La scorsa settimana i principali indici azionari si sono mossi nettamente al ribasso, rinunciando ai forti guadagni registrati lunedì. Il sentiment degli investitori ha iniziato la settimana rinvigorito con l'attenuarsi delle preoccupazioni relative alle tensioni in Medio Oriente e con i commenti percepiti come accomodanti da parte dei funzionari della Fed. Quel sentimento ha iniziato a cambiare martedì, tuttavia, dopo che un rapporto sulle vendite al dettaglio molto più forte del previsto ha instillato nuovamente l’angoscia sulla politica monetaria della Fed, spingendo i tassi del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e lasciando gli indici azionari sostanzialmente invariati. Le rinnovate preoccupazioni per il Medio Oriente, gli Stati Uniti hanno imposto restrizioni sulle vendite di chip AI alla Cina e i tassi del Tesoro a 10 anni in costante aumento hanno spinto i mercati azionari al ribasso da mercoledì a venerdì. Il discorso di Jerome Powell di giovedì si è aggiunto alle pressioni al ribasso con il presidente Powell che ha affermato di non credere che la politica monetaria fosse eccessivamente restrittiva e che i tassi potrebbero dover rimanere alti per un po’. Giovedì si è visto anche un rapporto estremamente debole sulle vendite di case esistenti, senza alcun effetto reale sui tassi del Tesoro o sui mercati azionari. Venerdì gli indici azionari sono scesi dell'1% o più e i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni si sono allontanati dal massimo di giovedì prossimo al 5% in assenza di nuove notizie. Per la settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,4% a 4.224,16, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 3,2 % a 12.983,81, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 33.127,21, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è aumentato di 29 punti base al 4,81% e il dollaro USA (misurato dall'indice ICE U.S. Dollar Index – DXY) si è indebolito dello 0,5%

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Healthcare , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 20 Oct 2023 IT

24 October, 2023 | GraniteShares
La scorsa settimana i principali indici azionari si sono mossi nettamente al ribasso, rinunciando ai forti guadagni registrati lunedì. Il sentiment degli investitori ha iniziato la settimana rinvigorito con l'attenuarsi delle preoccupazioni relative alle tensioni in Medio Oriente e con i commenti percepiti come accomodanti da parte dei funzionari della Fed. Quel sentimento ha iniziato a cambiare martedì, tuttavia, dopo che un rapporto sulle vendite al dettaglio molto più forte del previsto ha instillato nuovamente l’angoscia sulla politica monetaria della Fed, spingendo i tassi del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e lasciando gli indici azionari sostanzialmente invariati. Le rinnovate preoccupazioni per il Medio Oriente, gli Stati Uniti hanno imposto restrizioni sulle vendite di chip AI alla Cina e i tassi del Tesoro a 10 anni in costante aumento hanno spinto i mercati azionari al ribasso da mercoledì a venerdì. Il discorso di Jerome Powell di giovedì si è aggiunto alle pressioni al ribasso con il presidente Powell che ha affermato di non credere che la politica monetaria fosse eccessivamente restrittiva e che i tassi potrebbero dover rimanere alti per un po’. Giovedì si è visto anche un rapporto estremamente debole sulle vendite di case esistenti, senza alcun effetto reale sui tassi del Tesoro o sui mercati azionari. Venerdì gli indici azionari sono scesi dell'1% o più e i tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni si sono allontanati dal massimo di giovedì prossimo al 5% in assenza di nuove notizie. Per la settimana, l'indice S&P 500 è sceso del 2,4% a 4.224,16, l'indice Nasdaq Composite è sceso del 3,2 % a 12.983,81, il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,9% a 33.127,21, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è aumentato di 29 punti base al 4,81% e il dollaro USA (misurato dall'indice ICE U.S. Dollar Index – DXY) si è indebolito dello 0,5%
I prezzi delle azioni sono aumentati notevolmente all'inizio della scorsa settimana, con tutti e 3 i principali indici azionari che hanno guadagnato oltre l'1%. L’aumento è arrivato sulla scia dei commenti accomodanti dei funzionari della Fed, secondo i quali tassi più alti a lungo termine avrebbero probabilmente reso inutili ulteriori aumenti dei tassi. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni, in reazione a questi commenti, sono scesi di oltre 25 punti base fino a mercoledì. La pubblicazione dell'indice PPI leggermente migliore del previsto (mercoledì) e le crescenti speranze di un raffreddamento dell'inflazione hanno contribuito allo slancio rialzista. Il sentiment è cambiato, tuttavia, dopo la pubblicazione tiepida dell’indice dei prezzi al consumo di giovedì, che ha riacceso le preoccupazioni sui tassi più alti per un periodo più lungo, spingendo il tasso del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e esercitando pressioni al ribasso sui prezzi delle azioni. Questa pressione è continuata fino a venerdì, con un sentimento di avversione al rischio che ha dominato i mercati a causa delle crescenti preoccupazioni relative alla controffensiva di Israele contro gli attacchi terroristici di Hamas. Gli indici Nasdaq Composite e S&P 500 si sono mossi nettamente al ribasso, mentre i prezzi dei beni rifugio si sono mossi nettamente al rialzo. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito dello 0,4% a 4.327,28, l'indice Nasdaq Composite è sceso dello 0,2% a 13.407,23, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,8% a 33.670,29, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è sceso di 19 punti base al 4,62% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%.

Argomento: Telecoms , Financials , Basic Materials , Energy , Industrials , Technology

Tipo di pubblicazione: Market Commentaries

The Long and Short of it, week ending 13 Oct 2023 IT

17 October, 2023 | GraniteShares
I prezzi delle azioni sono aumentati notevolmente all'inizio della scorsa settimana, con tutti e 3 i principali indici azionari che hanno guadagnato oltre l'1%. L’aumento è arrivato sulla scia dei commenti accomodanti dei funzionari della Fed, secondo i quali tassi più alti a lungo termine avrebbero probabilmente reso inutili ulteriori aumenti dei tassi. I tassi dei titoli del Tesoro a 10 anni, in reazione a questi commenti, sono scesi di oltre 25 punti base fino a mercoledì. La pubblicazione dell'indice PPI leggermente migliore del previsto (mercoledì) e le crescenti speranze di un raffreddamento dell'inflazione hanno contribuito allo slancio rialzista. Il sentiment è cambiato, tuttavia, dopo la pubblicazione tiepida dell’indice dei prezzi al consumo di giovedì, che ha riacceso le preoccupazioni sui tassi più alti per un periodo più lungo, spingendo il tasso del Tesoro a 10 anni in rialzo di quasi 15 punti base e esercitando pressioni al ribasso sui prezzi delle azioni. Questa pressione è continuata fino a venerdì, con un sentimento di avversione al rischio che ha dominato i mercati a causa delle crescenti preoccupazioni relative alla controffensiva di Israele contro gli attacchi terroristici di Hamas. Gli indici Nasdaq Composite e S&P 500 si sono mossi nettamente al ribasso, mentre i prezzi dei beni rifugio si sono mossi nettamente al rialzo. Nel corso della settimana, l'indice S&P 500 è salito dello 0,4% a 4.327,28, l'indice Nasdaq Composite è sceso dello 0,2% a 13.407,23, il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,8% a 33.670,29, il tasso dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è sceso di 19 punti base al 4,62% e il dollaro USA (misurato dall’indice ICE del dollaro USA – DXY) si è rafforzato dello 0,6%.

La
società GraniteShares
è
una
società
specializzata
nella
creazione
e
gestione
di
ETF
ed
ETP.
 Grazie
alla
tecnologia
finanziaria,
la
società
offre
agli
investitori
soluzioni
innovative,
 con
un
focus
su
prodotti
“high
conviction”,
che
permettono
di
prendere
esposizioni
a
 leva
in
modo
efficiente
su
singoli
titoli
o
panieri
concentrati.


Tipo di pubblicazione: Regulatory News

GraniteShares Factsheet Italy

18 October, 2023 | GraniteShares
La
società GraniteShares
è
una
società
specializzata
nella
creazione
e
gestione
di
ETF
ed
ETP.
 Grazie
alla
tecnologia
finanziaria,
la
società
offre
agli
investitori
soluzioni
innovative,
 con
un
focus
su
prodotti
“high
conviction”,
che
permettono
di
prendere
esposizioni
a
 leva
in
modo
efficiente
su
singoli
titoli
o
panieri
concentrati.

GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X LONG NIO DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF CONSOLIDATION OF SECURITIES 20230329

Argomento: Financials

Tipo di pubblicazione: Regulatory News

3LNI - 1st security holder notice of consolidation IT

12 April, 2023 | GraniteShares
GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X LONG NIO DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF CONSOLIDATION OF SECURITIES 20230329
GRANITESHARES FINANCIAL PLC (l'“Emittente”) GRANITESHARES 3X SHORT FACEBOOK DAILY ETP SECURITIES (gli “ETP Securities”) AVVISO DI MODIFICA DEL RIMBORSO MINIMO

Argomento: Tecnologia

Tipo di pubblicazione: Regulatory News

3SFB - NOTICE OF AMENDMENT OF MRA 20230331 IT

31 March, 2023 | GraniteShares
GRANITESHARES FINANCIAL PLC (l'“Emittente”) GRANITESHARES 3X SHORT FACEBOOK DAILY ETP SECURITIES (gli “ETP Securities”) AVVISO DI MODIFICA DEL RIMBORSO MINIMO
GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X SHORT NVIDIA DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF CONDOLIDATION OF SECURITIES 20230331

Argomento: Industrials , Tecnologia

Tipo di pubblicazione: Regulatory News

3SNV - NOTICE OF AMENDMENT OF MRA 20230331 IT

31 March, 2023 | GraniteShares
GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X SHORT NVIDIA DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF CONDOLIDATION OF SECURITIES 20230331
GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X SHORT UBER DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF AMENDMENT OF MINIMUM REDEMPTION AMOUNT 20230331

Argomento: Industrials

Tipo di pubblicazione: Regulatory News

3SUB - NOTICE OF AMENDMENT OF MRA 20230331 IT

31 March, 2023 | GraniteShares
GRANITESHARES FINANCIAL PLC (the “Issuer”) GRANITESHARES 3X SHORT UBER DAILY ETP SECURITIES (the “ETP Securities”) NOTICE OF AMENDMENT OF MINIMUM REDEMPTION AMOUNT 20230331
f